Comunità. Un elemento imprescindibile per un giornalismo stabile

Un giornale non è fatto più di (sole) notizie. Un assioma. O quantomeno lo uso come se fosse tale. Se si vuole essere una testata o un giornalista del futuro –un futuro che è presente- bisogna cambiare strada. Reinventarsi in un ruolo diverso. Il servizio richiesto, e utile, non è più quello del racconto per notizie. Le informazioni oggi ci sono già, senza bisogno di passare per un giornalista e un qualsiasi media tradizionale. Il compito di informare è sempre più diffuso, distribuito, alla portata potenziale di tutti.

Cosa mi rimane dunque? Che ruolo ho ancora? Nessuno? Senza notizie sono niente, si potrebbe dire abbandonandosi a un professionalismo esistenziale. Non avrei: un senso, uno scopo. Non almeno per quello che ho conosciuto fino ad ora. Non per quello che mi hanno insegnato. La soluzione più immediata sarebbe il suicidio (professionale). L’esistenzialismo è una brutta bestia però. Ascoltarlo non mi fa vedere che dove è scomparso un senso ne sono arrivati altri. Lontani, non chiari, ma ci sono. Questo è l’importante.

L’informazione locale dietro la sagoma del vecchio dio giornalistico ucciso a colpi di blog, tweet ed altre diavolerie informatiche, vede una strada senz’altro più stretta ma ricca di possibilità. Ci sarà posto per meno professionisti, ci sarà più posto per la comunità. Meno professionalità non significa meno qualità. Professionista lo si è perché si viene pagati per quello che si fa. Nessuna legge fisica impedisce che un appassionato faccia meglio di me, professionista.

Va bene lascio da parte le dispute sul sesso degli angeli per altri momenti. Torno all’argomento centrale: la comunità. Già. Qui sta una delle possibili chiavi di sopravvivenza del giornalismo locale. Volenti o nolenti, sempre più si dovrà tener conto dei lettori e farli partecipare al processo della produzione di informazioni. I lettori non saranno più tali, saranno qualcosa d’altro. Attivi, non passivi. Il fatto stesso di chiamarli ancora lettori indica un’incapacità del mio linguaggio di designare qualcosa che già esiste ma ancora non riesco a cogliere appieno.

citjour1

Per questo il giornale locale –e pure quello su scala nazionale, seppur in maniera differente- dovrà trasformarsi in qualcosa di simile al nodo di una rete. Un centro tra tanti che raccoglie, filtra, diffonde, crea incontri, produce senza essere l’unico produttore. Una redazione su piazza pubblica. O, come ha scritto Sergio Maistrello, un hub.

Il prossimo “giornale” di successo è un hub: un nodo della rete che, in funzione delle proprie caratteristiche e capacità, è in grado di connettere a sé e tra loro quanti più nodi possibili. Un hub è uno snodo vitale per la comunità interconnessa almeno quanto un giornale di carta è stato vitale per la società moderna che aveva bisogno di conoscere le notizie. È, dunque, sulla capacità di relazione che costruiremo probabilmente l’economia della conoscenza dei prossimi decenni. Anche se al momento non abbiamo ancora idea di come.

La relazione è quindi il principale scopo che si dà. Chiunque opera sulla rete deve darselo. Una relazione che non è più conoscere il politico o il personaggio di turno. Sarà ancora necessario ma non fondamentale. Ciò che si deve costruire sono connessioni in grado di creare una vero e proprio tessuto sociale. Se non ho condivisione e interscambio con la comunità, in senso vasto, poco mi servirà avere ottimi rapporti con il sindaco, tutta la giunta e ogni persona che “conta” nella mia città.

Per citare nuovamente Sergio Maistrello

Invece che competere con i propri lettori e provare a ricostruire recinti e steccati, il giornalista deve imparare a lavorare insieme a loro. Non necessariamente accanto, ma in sinergia con essi. A una comunità che esprime già le sue istanze senza bisogno di mediazioni, il giornalista può ancora offrire continuità di impegno, strumenti professionali, esperienza, spirito di servizio. Il prodotto giornalistico ha l’opportunità di rinascere all’interno della comunità, come luogo di espressione, sintesi e perfezionamento delle sue istanze.

Svincolarsi dalle logiche passate. Non buttando al macero tutto ma togliendo quello che più non funziona, per sostituirlo con competenze che hanno una maggiore presa sulla realtà, oggi. Se il mondo cambia non posso pretendere di rimanere immutato. O cambio il mondo o cambio io o, perché no, posso provare a cambiare entrambe le cose. Fossilizzarmi sulle mie convinzioni serve a poco. Devo accettare che il mio ruolo sia un altro, mutato, dai contorni sfumati. Così come posso continuare a pretendere che io continui ad avere anche una funzione sociale.

Ma quale è questo compito allora? Se lo sapessi con sicurezza avrei un gruzzolo consistente in tasca e un’equa distribuzione di lodi e invidia dai quattro angoli del globo giornalistico. Per una risposta del genere ho solo ipotesi, come tanti. Chi trova quella giusta è alla fine chi sperimenta. Chi sperimenta è chi trova il suo nuovo ruolo. Farsi perno di una comunità mi sembra una delle migliori vie da battere. Come farlo è uno degli intenti che mi\ti\ci –usate il pronome che volete- spetta per il prossimo futuro.

Sullo stesso tema: 5 spunti per l’informazione locale

Twitter: @FrancescoAsti

3 thoughts on “Comunità. Un elemento imprescindibile per un giornalismo stabile

  1. Pingback: La Fine dell’Audience | Il Giornalaio

  2. Pingback: Oltre il giornalismo locale | Note Modenesi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...