I social network e la democrazia partecipativa

StreetMix-1Ne scrivevo qualche mese fa: i social network possono essere a servizio del cittadino. Un utile strumento che permette alle comunità di confrontarsi su questioni condivise e segnalare alle amministrazioni problemi da risolvere.
Lo spettro delle tematiche che si possono mettere in campo è molto più ampio, basta la volontà di realizzarle per far si che le decisioni che riguardano una comunità possano essere proposte da chi ne fa parte.

Il vantaggio è che lo si può fare non limitandosi ad essere solo sentinelle che lanciano un allarme quando vedono qualcosa che non funziona ma si può agire in prima persona avendo a disposizione strumenti efficaci per trovare una soluzione. Grazie alla teconolgia infatti questioni che possono apparire complesse sono rese estremamente più semplici e alla portata di tutti.

Hai mai pensato di ridisegnare una via della tua città per renderla più bella o efficiente? Con Streetmix è possibile. Sebbene il servizio risulti limitato a un solo scenario in cui combinare vari elementi, l’idea è di quelle realmente utili e, con un po’ di necessario sviluppo, può fare di ognuno di noi un urbanista. E non solo, ci permetti di condividere sui social la nostra creazione e, perché no, proporla a un assessore o al sindaco della nostra città.

Se i social e il web 2.0 stanno cambiato il nostro modo di comunicare, potranno farlo anche nel nostro modo di partecipare alla vita pubblica. La via per una democrazia partecipativa piena forse è più vicina di quanto si pensi.

L’uso di Streetmix e le sue potenzialità le spiega meglio di me Potenza Smart. Leggi: Ridisegnare le vie della tua città.    

Annunci

Giornali, imparate dall’Ikea

ikea_catalogo_2014 Una notizia segnalata da Pier Luca Santoro dà l’idea di quanto l’editoria possa avere ancora un ruolo di tutto rispetto, a patto però che si sappia innovare integrandosi con il digitale. (Puoi leggere il post di Pier Luca qui: Integrazione carta – digitale)

Ad avere da insegnare qualcosa a giornali e riviste non è qualche operatore di settore più avveduto di altri. No. A farlo è qualcuno che di mestiere fa tutt’altro: Ikea. L’azienda svedese per il suo catalogo 2014 -una bazzecola con tiratura di sole 212 milioni di copie- ha introdotto infatti una novità che punta tutto sulla realtà aumentata dando agli utenti una esperienza realmente diversa.

L’idea messa in atto è tanto semplice quanto azzeccata. Con l’uso dell’app di Ikea (qui la versione per Andorid, qui quella per IPhone) basterà posizionare il catalogo in un punto della vostra stanza in cui vorreste mettere un nuovo mobile, scansionare il catalogo con lo smartphone e sullo schermo del vostro cellullare vedrete il mobile da voi prescelto nella stanza.
Dalla Svezia arrivano anche suggerimenti per utilizzare l’applicazione divertendosi, ad esempio facendo sollevare virtualmente un divano con una solo mano dal tuo figlioletto di pochi anni.
Ma c’è un video che spiega tutto molto meglio. Eccolo:

Se c’è qualcuno che aveva bisogno di sapere che la carta può offrire ancora opportunità solo se la si usa in modo nuovo, ha qui la sua risposta.

Io non vedo l’ora di trovare nella cassetta delle lettere il catalogo Ikea 2014 per divertirmi un po’, e tu?

Lo scandalo NSA e la stupidità della raccolta dei dati

nsa-memePiù di che fine abbia fatto Edward Snowdon o dell’allarme per la violazione della mia privacy, la domanda dopo lo scandalo NSA è: ma che se ne fanno dei miei dati?

Sono una miniera di informazioni per il marketing, certo. Poter mappare in maniera precisa i miei gusti, le mie abitudini, i posti che frequento, che tipo di prodotti prediligo, permette a chi deve vendere o fare pubblicità di avere profili talmente dettagliati da poter andare quasi a colpo sicuro. Anziché dover faticare per creare desideri e bisogni, le industrie oggi hanno la possibilità di sapere quali sono e assecondarli.

I dati sono certamente importanti per una politica “spinta” di sicurezza, il settore che riguarda più specificamente il caso NSA e il progetto Prism . Qui la loro raccolta serve per poter prevenire eventuali atti di terrorismo o altri reati gravi. Non interessano tanto quelli che sono i miei gusti per propormi quanto  conoscere mie intenzioni malevole, ammesso che ne abbia.

Ma sono poi così interessanti i miei dati? Mettiamo che ciò che passa giornalmente di mio nella rete sia 100. A essere presuntuosi, ciò che può rivelarsi utile per l’NSA o qualunque industria che voglia  profilarmi è si e no 50.

Non sono un criminale, e non ho intenzione in un prossimo futuro di esserlo. La NSA, o chi per lei, ha ben poco per cui temermi. Nel loro database ci sarà quella volta che ho rubato una mela al fruttivendolo e poi un mare di roba banale, di vita quotidiana in cui non 130ccad5ba3c4a979ef29816075bc787succede nulla se non normale amministrazione e cose belle e interessanti solo per me che quella cose le vivo. A meno che alla NSA lavorino i più grandi voyeur del mondo, nel giro di breve si stancheranno  di osservarmi, se lo fanno. Continueranno a raccogliere dati su di me e li terranno in un server a prendere polvere virtuale, ignorati.

Di tutti questi dati qualcosa in più se ne farà il marketing. Ma anche qui non oso immaginare la mole di quelli raccolti che non servono proprio a nulla. Tra le cose di cui parlo, le cose che faccio, le persone con cui mi relaziono c’è una quantità enorme di informazioni che uscite dal cerchio ristretto in cui hanno importanza, diventano insignificanti.

Il modo in cui vengono raccolti i dati è altamente stupido. Una logica meramente quantitativa in cui per interesse in una piccola parte si prende tutto. Mi piace la ciliegina su quella torta, allora me la mangio per intero. Che a me interessasse solo la ciliegina e mangio due chili di dolce per farlo, poco importa.

La privacy è un bel problema. Che qualcuno raccolga informazioni su di me a mia insaputa o dietro tacito consenso mi dà parecchio fastidio.  Se per farlo si usa un meccanismo sostanzialmente stupido e cieco, questo mi dà ancor più sui nervi -parlavo di meccanismi stupidi di internet già qui Se volete profilarmi almeno fatelo bene. Prendete ciò che vi serve e risparmiatevi quel miliardo di cose che vi saranno sempre inutili.

Per dimostrare quanto progetti come Prism siano di per sé idioti basta guardare un’iniziativa come Troll the NSA. Sfruttando proprio la raccolta indiscriminata, Troll the NSA si è proposta di mandare mail o fare chiamate contenenti un testo preimpostato del tutto innocuo ma pieno di parole ritenute pericolose. Compiendo in molti questa azione in contemporanea si punta  a mandare in sovraccarico Prism.

Per un’analisi sulla privacy leggi questo articolo di Valigia Blu: Perché lo scandalo americano datagate ci riguarda da vicino

Accettalo, perderai quasi tutto

C’è un limite intrinseco a qualunque futuro verso cui ci muoveremo. Ed è già ben presentetumblr_mm219fgiQ31sp4ggqo1_500 sotto i nostri occhi, chiaro. Lo è sempre stato. Il limite è il tempo.

Lo streaming, le cloud, la tendenza a dispositivi portatili sempre più connessi, ci danno la possibilità di accedere a una mole infiniti di dati, informazioni, video, musica, foto. In qualunque momento ci troviamo davanti, in qualsiasi luogo noi siamo, suppergiù l’intero scibile umano. Da testi antichissimi digitalizzati all’ultima variante sul tema “gattini che fanno cose carine”.
Pur restringendo il campo a pochi settori e a una precisa collocazione temporale la quantità di cose rimane mastodontica. Sono un appassionato di musica –ossessionato sarebbe la definizione più corretta- e già solo aprendo un servizio come Spotify mi trovo ad aver a che fare con continui rimandi a roba che manco conosco. La mia volontà di approfondire è altissima. Ma tra me e la mia voracità devo inesorabilmente scontrarmi con la mancanza di tempo. Anche se decidessi di passare ogni secondo della mia vita ad ascoltare musica coprirei una percentuale non troppo rilevante di tutto ciò che è stato prodotto.

Di questo aspetto parla benissimo Linda Holmes su Monkey See, un blog di Npr News, in un post intitolato “The sad, beautiful fact that we’re all going to miss almost everything”. Vale la pena citarne uno stralcio esteso.

You used to have a limited number of reasonably practical choices presented to you, based on what bookstores carried, what your local newspaper reviewed, or what you heard on the radio, or what was taught in college by a particular English department. There was a huge amount of selection that took place above the consumer level. (And here, I don’t mean “consumer” in the crass sense of consumerism, but in the sense of one who devours, as you do a book or a film you love.)

Now, everything gets dropped into our laps, and there are really only two responses if you want to feel like you’re well-read, or well-versed in music, or whatever the case may be: culling and surrender

Culling is the choosing you do for yourself. It’s the sorting of what’s worth your time and what’s not worth your time. It’s saying, “I deem Keeping Up With The Kardashians a poor use of my time, and therefore, I choose not to watch it.” It’s saying, “I read the last Jonathan Franzen book and fell asleep six times, so I’m not going to read this one.”

Surrender, on the other hand, is the realization that you do not have time for everything that would be worth the time you invested in it if you had the time, and that this fact doesn’t have to threaten your sense that you are well-read. Surrender is the moment when you say, “I bet every single one of those 1,000 books I’m supposed to read before I die is very, very good, but I cannot read them all, and they will have to go on the list of things I didn’t get to.

It is the recognition that well-read is not a destination; there is nowhere to get to, and if you assume there is somewhere to get to, you’d have to live a thousand years to even think about getting there, and by the time you got there, there would be a thousand years to catch up on

If “well-read” means “not missing anything,” then nobody has a chance. If “well-read” means “making a genuine effort to explore thoughtfully,” then yes, we can all be well-read. But what we’ve seen is always going to be a very small cup dipped out of a very big ocean, and turning your back on the ocean to stare into the cup can’t change that.”

1098Senza farne una questione morale, il fatto che ci siano un numero di dati prossimo all’infinito tra cui scegliere e un tempo definito a disposizione è un limite serio a cui si va incontro. Con così tante opzioni diventa difficile non soccombere .

Più di tutto, quello di cui avremo bisogno in futuro sarà qualcuno o qualcosa che ci sappia orientare in questo universo talmente ricco e vasto in cui rischiamo di perdere continuamente la rotta. Con l’accessibilità immediata onnipresente abbiamo un disperato bisogno di mappe e di qualche intrepido esploratore che si avventuri a tracciare quelle strade. Perché solo selezionando e non eliminando (surrender vs. culling ) possiamo non rimanere sepolti dalla mole.

La sfida sta nel riuscire a fare questo senza castrare la possibilità di trovare quello che non si cercava. E dando la più grande varietà possibile di mappe in modo che ognuno possa costruirne una propria personale orientandosi con alcune di quelle.

Tenendo sempre ben presente che il tempo è il nostro limite.

Il futuro ha quattrocchi

Le nuove tecnologie hanno portato a un cambiamento radicale nel modo di comunicare. Gli ulteriori e recenti avanzamenti non fanno che seguire questa strada ampliandone gli spazi.

C’è una differenza sostanziale e non solo formale nel trasmettere conoscenza e informazioni attraverso la carta o per mezzo di un device elettronico. Il nostro modo di interfacciarci alla realtà muta in maniera radicale. Con nuovi strumenti abbiamo nuove possibilità di interazione con il mondo e il nostro modo di vederlo si arricchisce di esse. Poter fotografare e condividere immediatamente quello che ho appena cucinato dà un’ulteriore prospettiva alle azioni che posso compiere davanti un piatto. Anche la più inutile delle possibilità crea comunque un’occasione.

L’augmented reality non è che nella sua fase embrionale. Più ancora che gli smartphone sono i google glass a segnare l’alba di un futuro in cui ce ne andremo in giro con dispositivi sul e nel nostro corpo.

Mike Loukides lo dice chiaramente su O’Reilly Radar, quella della grande G non è che un versione rozza di ciò con cui avremo a che fare domani. Ma per arrivarci a quel punto bisogna iniziare a camminare.

Glass is the first attempt at broadly useful platform for consumer AR; it’s a game changer.

I have no doubt that something like Glass is part of our future. It’s a first, tentative, and very necessary step into a new generation of user interfaces, a new way of interacting with computing systems and integrating them into our world. We probably won’t wear devices around on our glasses; it may well be surgically implanted. But the future doesn’t happen if you only talk about hypothetical possibilities. Building the future requires concrete innovation, building inconvenient and “creepy” devices that nevertheless point to the next step. And it requires people pushing back against that innovation, to help developers figure out what they really need to build.

Glass will be part of our future, though probably not in its current form. And push back from users will play an essential role in defining the form it will eventually take

La novità di Mountain View avrà probabilmente parecchi difetti. Modificherà però il modo in cui potremmo organizzare, disporre, raccontare ciò che ci sta intorno.

google-glass-reality

Su Business Insider Robert Scoble racconta l’esperienza fatta nelle due settimane in cui ha indossato i google glass

They are much more social than looking at a cell phone. Why? I don’t need to look away from you to use Google, or get directions, or do other things

I continue to be amazed with the camera. It totally changes photography and video. Why? I can capture moments. I counted how many seconds it takes to get my smartphone out of my pocket, open it up, find the camera app, wait for it to load, and then take a photo. Six to 12 seconds. With Google Glass? Less than one second. Every time. And I can use it without having hands free, like if I’m carrying groceries in from the car and my kids are doing something cute

Immediatezza ancora più immediata, socialità espansa: non sono che due punti di uno spettro molto più ampio. Ciò che comunque tutto questo comporterà per chi della comunicazione in ogni sua forma ne fa un mestiere – già che su questo blog di quello parlo- è un ulteriore innovazione di strumenti con cui dover tenere il passo per poter raccontare una realtà che continua rapidamente a trasformarsi. Un racconto che sarà profondamente diverso da come lo facciamo ora.

Giuseppre Granieri ne parla in uno suo post. Vi lascio con le sue conclusioni che sono certamente più chiare di quanto potrei fare io

Se cambia l’interfaccia con le informazioni (e con il mondo) cambia il modo in cui circola e si produce la conoscenza

E per chi vuole costruire una carriera in questi settori, per chi ha a che fare con la parola, con le idee, la parte difficile è sicuramente quella di capire prima degli altri come cambia il mondo. E quanto in fretta.
Ma anche capire che la tecnologia abilita nuove possibilità, però sono queste ultime -e non la tecnologia- la vera opportunità.
Soprattutto per i giovani, io credo sia una bella sfida

Editori di se stessi

Ne sono sempre più convinto –e la maggior parte dei miei post dicono proprio questo –l’autorialità sarà una delle vie del futuro per coloro che vivono di scrittura e dintorni. Non l’unica ne la privilegiata, una tra le altre.

Nel nuovo sistema che si sta formando non c’è più bisogno di una figura intermedia tra chi scrive e chi legge. Così come non sono più necessari grossi capitali per pubblicare la propria opera. Potenzialmente ognuno è uno scrittore, un giornalista, un editore. Basta avere a disposizione pochissimi mezzi, una connessione alla rete e il gioco è fatto. L’attività editoriale, come dice Clay Shirky in un’intervista su Findings, non è più un lavoro ma semplicemente un tasto.

Publishing is not evolving. Publishing is going away. Because the word “publishing” means a cadre of professionals who are taking on the incredible difficulty and complexity and expense of making something public. That’s not a job anymore. That’s a button. There’s a button that says “publish,” and when you press it, it’s done

La questione centrale secondo Shirky non è “che ne sarà dell’editoria”, dato che l’intera categoria è pressoché morta, ma di quali funzioni corollarie ci sarà ancora bisogno

The question isn’t what happens to publishing — the entire category has been evacuated. The question is, what are the parent professions needed around writing? Publishing isn’t one of them. Editing, we need, desperately. Fact-checking, we need. For some kinds of long-form texts, we need designers

tumblr_m7s5geOx141rvc0w0o1_400

In questo contesto in cui chiunque può essere editore di se stesso si crea una diversa forma di selezione di ciò che è interessante e ciò che non lo è. Una selezione operata dal basso e non più dall’alto. Un basso che non è di per sé il buono contro il cattivo di ciò che viene dall’alto (la Gente vs. il Potere). È semplice dato di fatto. Avendo a disposizione tutto il pubblico sceglie ciò che gli piace e ciò che vuole leggere. Come dice Shawn Parr

There will be a shift of power from the opinionated and capable few selecting which titles the public should read to an explosion of content where the public decides what is best to read. Old-school publishers will argue that the quality of content will decline, but all they have to do is look at the music industry to know that’s not so

Quindi, come essere tra coloro che il lettore decide di scegliere? Avendo una voce. Non una qualunque, una che sappia dire qualcosa di chiaro, di diverso, di suo. In un mondo in cui a parlare sono tutti è la capacità di raccontare qualcosa, e raccontarlo bene, che fa la differenza.
A ben vedere – ne parla Howard Tullman su Inc.– non è cambiata l’essenza della buona comunicazione, è cambiato il modo di farla. Per questo abbiamo bisogno di professionalità rinnovate per rendere presente il futuro.

Good communication has always been about the story you have to tell. That hasn’t changed. It’s just that the strategy and delivery methods have to accommodate this new audience and the environments our technologies are creating. To make your story stick, you’ve got to make it shared and special. Or, as they say at Facebook, you need to make them care and you need to make them share.

Creating compelling, immersive, interactive, collaborative, cross-disciplinary, and community- (or team-) based combinations of content and context is the only way forward.

Giornalisti in formaldeide

La dicotomia tra tecnica e umanesimo è finita. Siamo in un terreno ibrido in cui convivono. Non vi preoccupate, non sto per iniziare una profonda riflessione filosofica. Sto parlando più prosaicamente di giornalismo. Un settore sconvolto e legato indissolubilmente alla tecnica. O meglio, alla tecnologia.  Un settore in cui il punto  di vista di chi racconta -il fattore umano- è sempre più fondamentale rispetto alla neutralità del cronista.

È impensabile essere un giornalista e non confrontarsi con la rivoluzione portata dal web. Le armi per difendersi si stanno rivelando sempre più inefficaci. A meno che voi siate prossimi alla pensione, ve ne troverete travolti. Dobbiamo imparare a usare nuovi strumenti, conoscere nuovi linguaggi. Se già il compito non fosse di per sé difficile, bisogna combinare questi elementi per creare qualcosa di diverso. Un altro modo di dare notizie. Una forma che forse non si potrà definire nemmeno più notizia.  Manca infatti una via. Nessuno sa dove si va. Non c’è nessuna formula che risolva l’equazione nuovi media+nuove tecnologie+web+diverso ruolo dell’editoria+ridefinizione del compito del giornalista+cambiamento delle richieste del lettore. La sola possibilità è una: sperimentare. Permettendosi la possibilità di sbagliare.

Stiamo agendo con questo spirito? No. Lo ha spiegato bene Frédéric Filloux in un articolo apparso su Monday Note: il giornalismo è rimasto conservato sotto formalina dallo scorso secolo

News reporting is aging badly. Legacy newsrooms style books look stuck in a last Century formalism (I was tempted to write “formalin“). Take a newspaper, print or online. When it comes news reporting, you see the same old structure dating back to the Fifties or even earlier. For the reporter, there is the same (affected) posture of effacing his/her personality behind facts, and a stiff structure based on a string of carefully arranged paragraphs, color elements, quotes, etc.

tumblr_mh7027GjLm1qh3h8wo1_500

Di fronte alla rivoluzione in cui siamo immersi reagiamo rimanendo ancorati a meccanismi che funzionavano fino all’attimo prima che le cose iniziassero a cambiare (questo discorso si può estendere ad ogni aspetto della nostra società). Trovare modi nuovi di fare è roba da avventurosi o da chi non ha più niente da perdere. Prossimi alla morte, le si provano tutte. Ed è proprio inseguendo la sopravvivenza che si tracciano strade mai battute. Benedette siano le crisi!

In proposito Mathew Ingram ha scritto su GigaOM

one of the reasons why the only newspapers that have made significant strides tend to be ones that have gone bankrupt or are close to it, like the Journal Register Co. — in the most obvious sense, they have nothing else to lose.

Dobbiamo per forza trovarci con il culo per terra per cercare nuovi paradigmi? Ovviamente no. Dobbiamo però essere disposti a rinunciare a qualcosa in termini di sicurezza e stabilità a favore di una maggiore flessibilità (il non fare delle flessibilità precariato è un vaso che preferisco non scoperchiare). Ciò che si lascia è  ampiamente ricompensato da ciò che si guadagna. Diciamocelo, vivere in un’epoca in cui scompaiono realtà consolidate è un bel lusso. Ci obbliga ad usare una percentuale di inventiva e ingegno elevati. Siamo costretti ad un lavoro più impegnativo, libero, creativo. E possiamo costruire qualcosa di completamente diverso.

Per questo chiudo con una riflessione ottimista di Dan Kennedy da Net New Check

What I tell my students is that they are probably going to have careers very much like tech workers have had for several generations. They tend to jump from startup to startup and a lot of them will fail and some of them will be very successful. We certainly know that large legacy news organitions are going to get smaller and smaller and various types of niche startups are going to take up a bigger and bigger part of the media landscape.

I think there’s a lot of reason to be optimistic, and young journalists who are willing to try a variety of different things are going to do fine. I am fundamentally an optimist

Sullo stesso argomento puoi leggere “Perché è necessario un nuovo giornalismo”

@FrancescoAsti